Home Page  
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / spettacolo  
KATZENMACHER. Il teatro di Alfonso Santagata, di Cristina Valenti

KATZENMACHER
Il teatro di Alfonso Santagata
di Cristina Valenti

ZONA 2004
pp. 272 - EURO 19
ISBN 88 87578 69 9

 
Al percorso artistico di Alfonso Santagata, autore, nella sua carriera, di 31 testi e regista di 37 spettacoli, è dedicato il volume di Cristina Valenti, Katzenmacher. Il teatro di Alfonso Santagata, quinto titolo della collana "Pedane Mobili", diretta da Franco Vazzoler e Paolo Gentiluomo per Editrice ZONA.

Una lunga storia, quella di Alfonso Santagata, fondamentale per la ricerca teatrale italiana a partire dal 1980, l'anno del primo spettacolo, "Katzenmacher", che darà il nome alla compagnia. Creatore di visioni personalissime, Alfonso Santagata è regista, attore e autore di testi pieni di incanto e ferocia, oltre che reinventore, sulla scena, delle grandi opere della letteratura occidentale: i tragici greci, Shakespeare, Cervantes, Büchner, Dostoevskij, Beckett, Pinter, approdando, oggi, a Eduardo.

Il volume si apre con una "Storia per immagini" che ripercorre, attraverso 42 foto, gli spettacoli della compagnia. Il saggio monografico di Cristina Valenti, studiosa e docente di teatro presso il Dams di Bologna, segue l'intero arco dell'esperienza dell'artista, dagli anni della formazione a quelli della rapida ed esplosiva affermazione nell'ambito del teatro di ricerca, fino all'attuale approdo alla scena "maggiore" del teatro di prosa. Fra vita e teatro, la monografia segue il percorso irregolare di un "attore per caso", proveniente da una famiglia di agricoltori di un piccolo paese in provincia di Foggia, emigrato giovanissimo in Germania e quindi conquistato prima al cinema (attraverso una particina in un film di Lizzani) e poi al teatro (scoperto attraverso i lavori di Carlo Cecchi). Dopo la Scuola del Piccolo Teatro a Milano e i primi lavori da scritturato (con Dario Fo, Carlo Cecchi, Luca Ronconi), inizia l'avventura personale dell'attore- autore, condivisa, dal 1980 al 1992, con Claudio Morganti.

Fin dal primo spettacolo, è evidente che il teatro di Santagata si pone sotto il segno dell'invenzione. Alieno dall'appartenenza a scuole, generi, tendenze, il suo lavoro mette al centro la personalità dell'artista, i suoi fantasmi e le sue ossessioni, col risultato di un teatro inaspettato, fortemente fisico, attraversato da una violenza che non manca di turbare gli spettatori. In seguito, la ricerca di Santagata segue tre percorsi intrecciati e intermittenti: l'emergenza (spettacoli basati su testi originali, scritti a partire da temi e contenuti di urgente attualità), le tentazioni (ossia l'incontro fra il proprio mondo teatrale e quello di un autore come Shakespeare, Cervantes, Büchner, Dostoevskij, fino ai tragici greci), i testi (dalla drammaturgia inglese contemporanea alle farse di Petito fino all'attuale progetto su Eduardo De Filippo). La svolta del 1992 apre l'esperienza di Santagata a prospettive nuove: il lavoro da
capocomico con una vasta compagnia di giovani attori, gli spettacoli itineranti negli spazi aperti, la scrittura scenica vicina all'ispirazione popolare a partire dalla reinvenzione della farsa. E infine la fase attuale: col progetto dedicato a Eduardo De Filippo, Alfonso Santagata mette a frutto la sua pluridecennale esperienza di attore autore regista e capocomico per confrontarsi con la tradizione alta del teatro di prosa, all'altezza di una maturità artistica e biografica con cui fare i conti. Ventiquattro anni di teatro ripercorsi dall'autrice attraverso la ricostruzione della memoria (con più di venti ore di colloqui con l'artista) e l'analisi degli spettacoli (condotta attraverso un ingente lavoro documentario e d'archivio), in rapporto all'opera complessiva della compagnia Katzenmacher e alle vicende parallele della ricerca teatrale, sullo sfondo di cambiamenti storici e politici destinati a influire fortemente sulla vita scenica, sia sul piano artistico sia su quello economico e organizzativo.

Il volume comprende inoltre una sezione dedicata allo sguardo fotografico di Maurizio Buscarino, certamente fra i più prestigiosi e sensibili fotografi teatrali contemporanei, una selezione dei testi di Alfonso Santagata e infine la teatrografia e la videografia complete dell'artista.

 
 
assaggia il libro spiacente, il trailer
di questo libro non è disponibile
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
aqcuista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
l'autore
Cristina Valenti è docente presso il Corso di Laurea DAMS e presso il Corso di Laurea specialistica GIOCA dell'Università di Bologna. Proveniente da studi di carattere storico e filologico (il suo volume Comici artigiani ha vinto il Premio Pirandello per la saggistica teatrale nel 1994), negli ultimi anni ha rivolto la sua attività al teatro contemporaneo d'innovazione, al quale si è dedicata sia sul piano della produzione scientifica sia sul piano dell'organizzazione.
Ha diretto l'organizzazione del Centro Teatrale La Soffitta del Dams di Bologna (1991-2001), al quale collabora tuttora sul piano progettuale, e ha realizzato numerosi progetti e iniziative culturali negli ambiti del teatro di ricerca e di ispirazione sociale. I suoi interessi attuali riguardano i teatri del disagio (handicap, carcere), il teatro di impegno sociale e civile, la ricerca delle giovani generazioni (in particolare come Direttore artistico dell'Associazione Scenario).
Fra gli ultimi volumi pubblicati: Conversazioni con Judith Malina (1995); Living with The Living 1998); Oiseau Mouche. Personnages (con Antonio Calbi, 2000); Il teatro nelle case (2001).
Collabora a varie riviste teatrali e culturali. Svolge collaborazioni drammaturgiche e organizzative per diversi artisti, compagnie e strutture teatrali. Dopo la monografia sul teatro di Alfonso Santagata (Katzenmacher, Zona, 2004), ha in preparazione un volume sui Teatri delle dis/abilità.
 
presentazioni
news
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 
 

  Editrice ZONA di Piero Cademartori - P. IVA 00021220991 - C.F. CDM PRI 58A22 C621B
via dei Boschi, 244/4 - località Pieve al Toppo - 52040 Civitella in Val di Chiana (Arezzo)     
tel/fax 0575.411049 - mobile 338.7676020 - www.editricezona.it - info@editricezona.it