Home Page  
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / poesia  
DI RITORNO, di Stefano Palladini

DI RITORNO
poesie di Stefano Palladini
Introduzione di Sergio Secondiano Sacchi

ZONA 2005
pp. 84 - EURO 11
ISBN 88 87578 79 6

 
Stefano Palladini ha dedicato la propria carriera artistica a rivestire di musica i versi dei poeti. Ora si presenta a noi direttamente come autore di versi, offrendoci un'ulteriore, inedita - e per molti inaspettata - casella di quel suo percorso a spirale che si muove inesorabilmente all'interno della Poesia. Questa sua opera prima è poesia del racconto, dolente ballata che sviscera il suo più recente e drammatico tragitto autobiografico, con disarmata ma altrettanto pudica sincerità. Di ritorno è un faticoso rimpatrio nel territorio della propria esistenza, i cui confini sono ancora tutti da ridisegnare.

DALL'INTRODUZIONE DI SERGIO SECONDIANO SACCHI. Stefano Palladini ha dedicato la propria carriera artistica a rivestire di musica i versi dei poeti, con la tenacia e il trasporto di un militante (della letteratura o della canzone non si sa, tanto è invisibile, se non addirittura impossibile, una demarcazione in tal senso all’interno delle sue composizioni).
A differenza di quei suoi pochi colleghi musicisti che percorrono saltuariamente anche se non sempre marginalmente, questo sentiero, Palladini, si cimenta in quest’opera con esclusiva dedizione e costanza quasi brevettabili; esattamente come ha fatto nella sua vita di insegnante, trascorsa nella volontà di diffondere il gusto per la letteratura
Il Novecento italiano non è un secolo molto esplorato dai nostri migliori musicisti di poesie, con la parziale eccezione di quelle dialettali. Gli autori più famosi si rivolgono molto spesso alle letterature straniere; non si sa se per quel tipico provincialismo di chi vuole essere a tutti i costi cosmopolita o per l’offerta di grandi voci poetiche che il panorama internazionale è in grado oggettivamente di suggerire o, ancora, se per le difficoltà tecniche poste molto spesso da quelle scritture antimelodiche così tipiche nei poeti nostrani (per non dire dei linguaggi a volte compiaciutamente criptici). Forse per tutte e tre le motivazioni, ma è certo che quest’ultima gioca un ruolo importante nelle scelte.
Se è vero che i documenti di poetica di Marinetti hanno raramente prodotto, almeno in Italia, autentiche pagine di poesia, è invece certo che alcuni degli effetti più palesi e duraturi della sua irruzione sul proscenio letterario italiano siano stati, per quanto riguarda la tecnica della versificazione, quello dell’annullamento delle gabbie strutturali (rima, metrica, ritenute retaggi anacronistici di un remoto passato e, di conseguenza fatali principi di un linguaggio inidoneo alla comunicazione) e quello dell’allontanamento da una ricerca della musicalità del verso quale fatidico veicolo di indulgente autocompiacimento estetico.
In altri paesi, invece, la frantumazione metrica non è stata così generalizzata, a volte nemmeno all’interno delle avanguardie, salvaguardando così, nella poesia stessa, una “cantabilità”. C’è una frase di Luis Aragon, in proposito, abbastanza illuminante, contenuta nella prefazione all’edizione del 1966 del Roman inachevé: “Eh sì, cari imbecilli, la poesia francese è innanzitutto canto” (va sottolineato che, di tutti i poeti, Aragon è, non a caso, il più frequentato dagli autori di musica popolare).
Ma è curioso notare come il fascino per il verso lungo e non musicale sia stato, a volte, frutto di pregiudizi in seguito superati. Basta ricordare Cesare Pavese che, a proposito di alcune poesie inserite nella seconda edizione di Lavorare stanca, scriveva: “Nei metri tradizionali non avevo fiducia, per quel tanto di trito e di gratuitamente (così mi pareva) cincischiato ch’essi portano con sé”.
Personalmente non so quale sia il tipo di poesia che Palladini ama e quali autori preferisca; conosco invece la poesia che ci ha fatto amare nelle sue canzoni (e a volte anche attraverso esse, spogliandole, da consumato insegnate di lettere, di tutta la distanza letteraria che la scuola solitamente regala e restituendo l’attualità emotiva capace di parlare allo stato d’animo). Vale la pena di ricordare che di queste sue scelte ha persino scritto, con la consueta sagacia, anche un personaggio solitamente svincolato dal commento critico come Paolo Conte.
Una cosa è certa: Palladini ha sempre prediletto, fosse anche per il solo fatto di doverli musicare, poeti (da Pascoli a Saba, da Gozzano a Pavese per quanto riguarda il Novecento italiano) che si sono espressi attraverso metrica e ritmo, trasmettendo quindi una poesia mai urlata e sempre sussurrata, costruita su versi che avevano, già in partenza, una loro spiccata musicalità, a volte dalla cadenza frizzante e altre dalla tonalità sommessa. (...)

3.

Pomeriggio di lucida follia,
l’idea funesta è quella di scappare,
mi chiudo in una stanza a casa mia,
sperando che mi vengano a cercare.

Ho minacciato la donna che amo
ed ora sono immobile, intontito,
vorrei parlarle e invece non la chiamo,
possibile che sia tutto finito?

Ricordo solo un fuoco che mi afferra,
l’amico che mi porta il suo soccorso,
voci confuse e un suono d’ambulanza.

Credo di stare ancora sulla terra,
non provo niente, nemmeno rimorso,
dov’è il mio letto, dov’è la mia stanza?

 
 
assaggia il libro spiacente, il trailer
di questo libro non è disponibile
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
aqcuista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
l'autore
Stefano Palladini
(Roma, 1946)

Cantautore, dopo l'esordio al Folkstudio di Roma, ha pubblicato due album da solista (La vita dell'omo e Ben venga maggio) e tre con l'amico Zazà Gargano (La stanza della musica, Poesia in musica e L'anima sarà sempre com'era). Nel maggio 2005 i due hanno pubblicato un nuovo album (Il poeta nascosto). Stefano Palladini è qui al suo debutto come poeta...  
presentazioni
news
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 
 

  Editrice ZONA di Piero Cademartori - P. IVA 00021220991 - C.F. CDM PRI 58A22 C621B
via dei Boschi, 244/4 - località Pieve al Toppo - 52040 Civitella in Val di Chiana (Arezzo)     
tel/fax 0575.411049 - mobile 338.7676020 - www.editricezona.it - info@editricezona.it